Laboratorio di programmazione

Nota bene

Dall’a.a. 2018/19 il docente Massimo Santini non si occuperà più dell’insegnamento di programmazione. Il materiale didattico relativo è stato spostato sul sito https://labprog.mapio.it/.

Appelli residui

Il modulo di laboratorio è diviso in turni, appartengono al Turno A (corrispondente a questa pagina e tenuto dal dott. Massimo Santini) tutti e soli gli studenti che hanno un numero di matricola pari. Il docente sarà responsabile dei soli appelli di giugno/luglio/settembre 2018 e gennaio 2019.

Valutazione della prova d’esame e salto d’appello

La prova d’esame è composta da un esercizio filtro, seguito da alcuni altri esercizi (il cui numero dipende dalla durata dell’esame e dalla complessità degli esercizi).

Chi non consegna entro i primi trenta minuti una soluzione completamente corretta (ossia che produce esattamente il risultato atteso su tutti i casi di test) dell’esercizio filtro è automaticamente bocciato. La valutazione dell’esercizio filtro è comunicata ai presenti poco dopo lo scadere della mezz’ora, chi ottiene una valutazione negativa è invitato a lasciare l’aula d’esame.

Chi ha ricevuto una valutazione positiva riguardo all’esercizio filtro procede nello svolgimento dell’esame; al più mezz’ora prima del termine di consegna (su esplicito invito del docente) chi lo ritiene opportuno può ritirarsi (senza lasciare l’aula); tutte le prove degli studenti non ritirati saranno valutate dal docente.

Nei giorni successivi all’esame, il docente comunica per ciascuno studente se la valutazione della sua prova è:

  • sufficiente, nel qual caso lo studente è promosso, con una valutazione da A (30-30L/30) a D (18-21/30).
  • insufficiente, o E (13-17/30), nel qual caso lo studente è bocciato, ma potrà sostenere di nuovo la prova a partire dall’appello successivo,
  • gravemente insufficiente (minore di 13/30), nel qual caso lo studente è bocciato e subirà (negli appelli per cui è previsto) il salto d’appello,

Risulta evidente che la possibilità di ritirarsi è utile nel caso in cui uno studente valuti in modo autonomo che la sua prova è gravemente insufficiente e preferisca il ritiro al salto d’appello.

Chi, pur avendo conseguito una valutazione sufficiente, intende rifiutare il voto può semplicemente presentarsi ad un appello successivo, ma si noti bene che in tal modo viene invalidata la valutazione precedente qualunque sia l’esito della nuova prova — ad esempio, in caso di nuova prova insufficiente, la precedente valutazione sufficiente viene annullata.